RSS

Archivio mensile:marzo 2012

uova, asparagi e pancetta…


By Alessandro Porcu

Annunci
 

Tag: , , ,

DEMOCRAZIA DIRETTA PROPOSTA DI LEGGE POPOLARE: si può gia’ firmare!

A tutta la cittadinanza di Foligno:
da Lunedi 26 Marzo presso l’ufficio delle relazioni con il pubblico(URP), sito in Piazza della Repubblica 8, è possibile firmare la proposta di legge popolare che ha lo scopo di portare la Democrazia Diretta in Italia per dare più valore al volere dei cittadini.Per tutti i dettagli su tale proposta andare sul sito: http://www.quorumzeropiudemocrazia.it/

Orari apertura URP:

Mattina: dal Lunedì al Sabato, 9:00-12:30
Pomeriggio: Martedì Giovedì, 15:30-17:30

Mi raccomando portare un documento di riconoscimento.

Per chiarimenti tel. 3476498344 Quorum Zero e Più Democrazia | il percorso della iniziativa di legge popolarewww.quorumzeropiudemocrazia.it
vedi: http://www.paolomichelotto.it/blog/wp-content/uploads/2012/03/SINTESI-QUORUM-ZERO.pdf
SINTESI
Questa proposta di legge ha l’obiettivo di modificare alcuni articoli della costituzione italiana per migliorare l’utilizzo degli
strumenti di democrazia diretta già esistenti e introdurne di nuovi in Italia, ma utilizzati da più di un secolo in altri paesi
del mondo come la Svizzera e la California. Il nostro obiettivo è quello di migliorare il funzionamento della
democrazia italiana affiancando alla democrazia rappresentativa attuale, strumenti che diano la possibilità ai cittadini di
far sentire la loro voce e di prendere decisioni che riguardano la cosa pubblica.
I punti qualificanti della proposta di legge sono i seguenti:
• – Quorum zero in tutti i referendum.
• – Revoca degli eletti, che previa raccolta di un numero elevato di firme, possono essere sottoposti a votazione
di revoca del mandato (come in California, Svizzera, Venezuela, Bolivia).
• – Indennità dei parlamentari stabilita dai cittadini al momento del voto.
• – Referendum propositivo (come in California)
• – Iniziativa di legge popolare a voto popolare (come in Svizzera), passa in parlamento, dove può essere
accettata, rifiutata oppure generare una controproposta, ma poi viene votata dai cittadini).
• – Iniziativa di legge popolare a voto parlamentare con obbligo di trattazione in parlamento in 12 mesi. Se ciò non
accade diviene referendum e va al voto popolare.
• – Referendum confermativo (come in Svizzera). Tutte le leggi create dal parlamento, prima di entrare in vigore,
possono essere poste a votazione popolare, previa raccolta delle firme necessarie.
• – Referendum obbligatori in alcune tipologie di leggi in cui i rappresentanti hanno un conflitto di interessi (es.
finanziamento partiti, leggi elettorali) e sui trattati internazionali e sulle leggi urgenti.
Oltre a questi si prevedono le seguenti ulteriori innovazioni:
• – Petizione con obbligo di risposta entro 3 mesi.
• – Nessun limite di materie referendabili (come in Svizzera), tutto ciò che può essere discusso dai rappresentanti,
può essere messo a referendum e votato dai cittadini.
• – Cittadini autenticatori (oltre alle figure previste oggi per legge).
• – Utilizzo di firme elettroniche (come per la Iniziativa dei Cittadini Europei).
• – Obbligo di introduzione di strumenti di democrazia diretta a livello locale senza quorum.
• – Possibilità da parte dei cittadini di modificare la costituzione (come in Svizzera dal 1891).
La realizzazione di questa proposta di legge è stato un lungo ed appassionante percorso durato da giugno 2011 fino a
sabato 11 febbraio 2012, fatto di incontri dal vivo e di riunioni su internet ed è il risultato condiviso da un gruppo di
persone provenienti da varie parti d’Italia, appassionate ed esperte di democrazia diretta e impegnate da tempo su
questo tema.
http://www.quorumzeropiudemocrazia.it

 
Lascia un commento

Pubblicato da su marzo 28, 2012 in DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

 

Tag: ,

LA COLLINA DEI CECI INNAMORATI…

 
Lascia un commento

Pubblicato da su marzo 28, 2012 in ALIMENTAZIONE, PIATTI D'AUTORE

 

Tag: , , , ,

Insegnanti: l’aggiornamento è un obbligo di servizio…

L’aggiornamento degli insegnanti è un obbligo di servizio.
Tratto da:

http://www.edscuola.it/archivio/handicap/obbligo_aggiornamento.htm

“La Sesta Sezione del Consiglio di Stato, con la Sentenza n. 1425 del 23/3/07, ha rigettato il ricorso di un docente di scuola media proposto contro la riduzione di 4 ore di stipendio, a causa della sua assenza ingiustificata ad un corso di aggiornamento proposto dalla sua scuola.

Il Consiglio di Stato ha infatti chiarito che l’aggiornamento rientra fra i doveri di servizio del personale docente.

E’ vero che la decisione riguarda l’applicazione del CCNL del 1994. Però anche il nuovo CCNL siglato il 7 Ottobre 2007 all’art. 63 prevede come fondamentale strumento professionale l’aggiornamento in servizio e l’art. 64 comma 1 dello stesso CCNL ritiene l’aggiornamento un diritto del personale scolastico “funzionale alla piena realizzazione ed allo sviluppo della propria professionalità”.

Quando una norma definisce un diritto come “funzionale” a qualche obiettivo, esso è automaticamente anche un dovere; ed infatti il successivo art. 65 comma 1 stabilisce che le istituzioni scolastiche debbano predisporre i contenuti dell’aggiornamento che sia “ funzionale” alla realizzazione degli obiettivi individuati nel Piano dell’Offerta Formativa.

E’ fatto salvo il diritto all’autoaggiornamento, che comunque deve rientrare negli obiettivi del POF, non potendo essere rimesso alle discrezionali scelte ed interessi dei singoli docenti. Ed infine il successivo art. 66 comma 1 precisa che è dovere del Collegio dei docenti di deliberare il piano annuale delle attività di aggiornamento secondo gli obiettivi del POF, aggiornamento che quindi diviene così obbligatorio per tutti.

La sentenza è importante, poiché richiama l’attenzione di tutti sul dovere ineludibile dell’aggiornamento professionale dei docenti.

Sino ad oggi si era diffusa la convinzione che l’aggiornamento fosse solo un diritto dei docenti, e non anche un loro dovere.

La sentenza precisa che esso è un diritto “funzionale all’insegnamento” e quindi rientra negli obblighi di servizio.
Ovviamente, dal momento che lo stesso CCNL all’art. 64 comma 2 stabilisce che l’aggiornamento si svolge ordinariamente al di fuori dell’orario dell’insegnamento, esso rientra nelle ore di servizio “aggiuntive all’insegnamento” e non può superare tali ore.

Cosa diversa è l’obbligo di programmazione che deve effettuarsi all’inizio dell’anno scolastico e prima dell’inizio delle lezioni, di cui alla nota ministeriale prot. n° 4798/05, con la quale si prevede che ogni Consiglio di classe deve programmare il PEI per una corretta integrazione scolastica degli alunni con disabilità.

Pertanto, il coordinamento fra le norme del CCNL, lette alla luce della Sentenza e la Nota ministeriale citata offre una valida garanzia per migliorare la qualità dell’integrazione scolastica, nel pieno rispetto dei diritti del personale docente.

21-12-2007

Avvocato Salvatore Nocera
Responsabile dell’area Normativo-Giuridica
dell’Osservatorio dell’AIPD sull’integrazione scolastica”…

 

Tag: , , , ,

TUTTOGREEN

http://www.tuttogreen.it/

 
Lascia un commento

Pubblicato da su marzo 17, 2012 in BLOG, ECOLOGIA, ENERGIE RINNOVABILI

 

Tag: ,

EUTROFIZZAZIONE

http://it.wikipedia.org/wiki/Eutrofizzazione

i fosfati:
http://it.wikipedia.org/wiki/Fosfato

 
Lascia un commento

Pubblicato da su marzo 14, 2012 in ACQUA, INQUINAMENTO DELL'ACQUA

 

Tag: , ,

LUDOPATIE – DALLE SLOT ALL’USURA – GLI INTOCCABILI 08/03/2012

http://www.la7.it/intoccabili/pvideo-stream?id=i521398

 
Lascia un commento

Pubblicato da su marzo 13, 2012 in GIOCHI

 

Tag: , ,